11 settembre 2016

ANCORA POLEMICHE SUGLI INCENERITORI

Polemiche sulle dichiarazioni espresse dalla dalla Società Italiana di Igiene,medicina preventiva e sanità pubblica (SItI) a sostegno dell’incenerimento dei rifiuti con recupero energetico.

Amici del Viale della Pace esprime totale disaccordo su quanto dichiarato dalla SitI.

Gli inceneritori, anche quelli definiti di nuova generazione, non eliminano i rifiuti, ma li trasformano in emissioni, ricche di un variegato cocktail di inquinanti con residui (scorie pesanti e leggere) al circa il 25% in peso dei rifiuti in ingresso. Le discariche di servizio sono necessarie anche per gli inceneritori, e questi ultimi creano residui che non ci sarebbero senza la combustione dei rifiuti. 

Le ceneri leggere sono estremamente tossiche in quanto residuano dai filtri e dai processi di abbattimento dei fumi, devono essere conferite in discariche speciali o alla “tombazione” in siti minierari.

Dal punto di vista energetico, le migliori tecnologie disponibili consentono di raggiungere un rendimento pari al 25% dell’energia associata ai rifiuti combusti. Il bilancio energetico è tutt’altro che ottimale, se confrontato con il riciclo, inteso come recupero di materia), da due a sei volte superiore a quella “recuperata” con l’incenerimento.

Sul piano dell’impatto sulla salute umana non esiste alcuno studio pubblicato su riviste internazionali che dimostra l’assenza di rilevanti rischi sanitari acuti e cronici per chi vive in prossimità degli impianti.    

Di contro un solo studio, pubblicato su rivista internazionale, ha dimostrato con adeguato livello di accuratezza, utilizzando i dati dello studio  “Moniter” della Regione Emilia Romagna, come le emissioni degli inceneritori sono in relazione con un aumentato rischio di nascite pretermine e aborti spontanei (Candela et al, Environ Int, 2015. 78:51).
Inoltre, dallo studio Moniter, sono emersi incrementi di: mortalità per tumori di fegato e vescica negli uomini, incidenza di tumori del pancreas negli uomini, mortalità per cancro del colon nelle donne e per i linfomi non-Hodgkin in entrambi i sessi nella coorte di Modena. E ancora tale studio ha documentato anche associazioni statisticamente significative con aumento di rischio di malattie ischemiche cardiache e di mortalità per malattie cardiocircolatorie nelle femmine, aumento di rischio di mortalità per malattie respiratorie acute nelle femmine, andamento crescente del rischio di malformazioni nel loro complesso con l’aumentare dell’esposizione. Risultati tutti coerenti con altre pubblicazioni scientifiche nazionali ed internazionali.                                                                                               Quanto al fatto che gli inceneritori  “non provocano rischi sanitari acuti e cronici per chi vive in prossimità degli impianti” si segnala che sono numerosi gli studi scientifici che dimostrano esattamente il contrario e descrivono effetti sia a breve (esiti riproduttivi, malformazioni, esiti cardiovascolari, respiratori) che a lungo termine ( soprattutto tumori).                                                                                                                   Senza considerare che in alcune aree dove insistono tali impianti, la pressione ambientale e già di per se notevolmente compromessa tale da consigliare azioni di bonifica immediata. Per tutti basta menzionare la cosidetta #terradeifuochi, tra Napoli e Caserta, dove al dramma dell’infossamento di rifiuti speciali, pericolosi e tossici, si sommano gli effetti della combustione, sotto forma di  nanoparticolato, dei derivati dell’inceneritore tra i piu “moderni” e grandi d’Europa.

"NESSUN RISCHIO E' ACCETTABILE SE E' EVITABILE".
E con Rifiuti Zero i pericoli derivanti dall'incenerimento ancorchè diminuiti ma ancora ben presenti, non sono accettabili perchè con le buone pratiche verso R.Z. si possono evitare, tra l'altro, dando origine a possibilità di impresa e di lavoro secondo i dettami della #circulareconomy che poggia i suoi fondamenti sul recupero di materia e non di energia.     E tale vision ci consente di analizzare senza pregiudizi di sorta l’impatto dell’uso degli inceneritori di RSU non solo in chiave di prevenzione del rischio sanitario ma anche, e soprattutto, tema purtroppo sempre poco dibattuto, in chiave economica e di sostenibilità.    
Bruciare materiali post consumo è antieconomico, distrugge risorse e impoverisce il pianeta.                             L’idea della linearità del processo di smaltimento di ciò che consumiamo è una visone novecentesca, fuori epoca e antieconomica. Di contro, la circolarità del processo di gestione dei materiali post consumo recupera preziosi materiali da reimmettere sul mercato (materie prime secondarie) ancora utilissime per l’industria manifatturiera con cui l’occidente fa crescere il proprio PIL.
Ecco perché, guardando all’economia di scala, bruciare i materiali di scarto per produrre una scarsa e sporca quota di energia è una bestialità che in termini di spreco delle risorse (come ci rammenta il dibattito europeo sul Pacchetto “Economia Circolare” e le conseguenti proposte tematizzate) e in termini di impatto negativo sul climate change, nel rispetto delle generazioni future, non ci possiamo più permettere.
L’aperta critica alla strategia Rifiuti Zero è un’altra estemporanea deduzione di SItI non motivata e non condivisa da eminenti personalità del settore rifiuti e in ambito di Commissione Europea che si richiama all’ “efficientamento progressivo” dell’uso delle risorse e poggia sull’elemento fondante della riprogettazione: entrambi concetti alla base del Pacchetto “Economia Circolare” attualmente in discussione nelle Istituzioni EU (non certo in un ristretto circolo di ambientalisti di assalto).
Certo è che, come il nome “Zero Waste/Rifiuti Zero” dovrebbe suggerire,  non si tratta di una strategia limitata alla gestione dei rifiuti una volta prodotti, ma abbraccia una visione più ampia sull’intero sistema produttivo delle merci coinvolgendo i produttori mediante la “responsabilità estesa” dove l’industria si fa carico della riprogettazione  (re-design) onde evitare di produrre rifiuto non riciclabile che resta sul groppone delle comunità (cittadini), costretti a pagarne il costo dello smaltimento.
Per quanto riguarda la raccolta differenziata, invece, le affermazioni fuori luogo di SItI lasciano davvero esterrefatti: non si tratta di una predica di qualche santone antiinceneritorista, ma di un obbligo di legge; raccolte differenziate col metodo PaP ben oltre il 60%, 70% e anche 80%,  prossime agli obiettivi di Rifiuti Zero, vengono attuate in ampi territori italiani con successo e con costi più contenuti del “sistema integrato” ad esempio applicando la Tariffa puntuale (TIA) e ponendosi obiettivi ambiziosi in tema di riduzione della componente residuale come dimostrano realtà italiane tra le più virtuose d’Europa  (Consorzio Contarina - prov.Treviso - 550mila ab.).
Le direttive EU in tema di gestione di rifiuti pongono il recupero di materia prioritario rispetto al recupero di energia e che indicano nella #circulaeconomy la strada maestra per la tutela non solo delle risorse, ma dell’ambiente e della salute.  

5 settembre 2016

CODACONS VDA: COSTI SERVIZIO RACCOLTA RIFIUTI GIA GRAVOSI PER I CITTADINI - DIMEZZARE LA CONSULENZA E' POSSIBILE

Spett.le Comune di Aosta

Ai componenti dell’Osservatorio
comunale sui rifiuti del Comune di Aosta

Alle associazioni ambientaliste e
dei consumatori della Valle d’Aosta

Oggetto: Delibera Giunta comunale n. 83 del 30/06/2016 – Nomina direttore di esecuzione del contratto igiene urbana (1/09/2013 al 31/08/2019) per un costo annuo pari a Euro 90.000 a carico dei cittadini di Aosta – Richiesta di nuove misure per migliorare in ambito comunale la gestione dell’igiene urbana.

Facendo seguito alla nota del 15 luglio 2016 con cui si richiedeva l’accesso alla documentazione allegata alla delibera di Giunta comunale n. 83 del 30/06/2016, il Codacons Valle d’Aosta esprime parere negativo in merito alla attivazione immediata della nuova figura di “direttore di esecuzione del contratto di igiene urbana comunale”.
Si richiede, pertanto, di posticipare l’eventuale adozione di tale figura nell’ultimo periodo di attività del contratto che scade ad Agosto 2019 remunerando il professionista per una annualità (Gennaio 2018 – gennaio 2019), in modo da poter acquisire suggerimenti utili per inserire modifiche al bando del nuovo contratto di igiene urbana che riguarderà il periodo settembre 2019 – settembre 2024 con risparmi per i cittadini di oltre 150.000 Euro. Si ritiene, inoltre, che molti controlli di regolarità del servizio nei confronti del soggetto gestore possono essere svolti dal personale dipendente del Comune. Ad oggi non è stato possibile visionare il piano dei controlli al soggetto gestore di igiene urbana. Nella seconda seduta dell’Osservatorio comunale sui rifiuti è stata presentata la relazione sui controlli su un campione di utenti del servizio (utenze condominiali: esaminato un campione di 400 su un totale di 1100) con notevoli difformità per la raccolta dell’organico, del multimateriale, dell’indifferenziato e del vetro. In allegato si riporta una locandina in corso di distribuzione da parte del Codacons VdA ai propri associati per ricordare alcune regole per una corretta raccolta dei materiali. Si invita l’Amministrazione a farla propria ed a veicolarla integrandola con altre informazioni utili a tutti gli utenti (domestici, commerciali, ecc) che ammontano a circa 22.000.

Si elencano alcuni punti meritevoli di approfondimento da parte di codesta Amministrazione comunale:
• A settembre 2016, ad oltre un anno dall’attivazione della raccolta dell’organico, non risulta disponibile il cronoprogramma per attivazione della tariffazione puntuale e delle relative modalità di svolgimento. Si segnala che in altri comuni (per esempio Parma) in un anno è stata raggiunta una percentuale di differenziata superiore al 74%. Si chiede di introdurre incentivazioni e premi sia al personale, sia al soggetto gestore, in caso di miglioramenti in punti percentuali della raccolta differenziata.
• Non risulta attivato un sistema sanzionatorio efficace per far pagare di più chi non differenzia correttamente. Non risultano coinvolti, nei controlli sulla raccolta differenziata o sul corretto svolgimento dei servizi da parte del soggetto gestore, cittadini o associazioni operanti nel settore ambientale, anche mediante l’attivazione dell’ audit civico per i servizi di igiene urbana.
• Il personale comunale in servizio nel settore Ambiente non ha mai acquisito la qualifica di “ispettore ambientale” e, pertanto, ad oggi, non risultano emesse sanzioni nei confronti di utenti che hanno commesso varie irregolarità.
• Obiettivo riduzione rifiuti indifferenziati prodotti: l’obiettivo di arrivare a produrre meno di 100 kg pro-capite annuo va perseguito. Si chiede di pubblicare mensilmente e rendere partecipe la popolazione in merito all’andamento del dato pro capite annuo su base mensile.
• Si richiede di valutare l’adozione di una delibera “verso rifiuti zero” già adottata da parte di altri comuni “virtuosi”.

Il Codacons  VdA
Aosta - Via Gorret 29
Tel  0165238126

IPPOCASTANI DI VIALE DELLA PACE. UNA POTATURA DISASTROSA.

Ippocastani di Viale della Pace (lato nord). Potatura nefasta con effetti dirompenti.

La signora che vi ha scritto ha pienamente ragione: la zona a nord di corso XXVI febbraio è compromessa, quella a sud, non potata, è verde e rigogliosa.

Infatti il punto sta proprio nella potatura: il mio sopralluogo mi ha permesso di identificare la presenza di un fungo che purtroppo di frequente attacca gli ippocastani, si tratta di Guignardia aesculi, che porta alla cosiddetta antracnosi, vale a dire “Malattia delle foglie o del fusto causata da funghi che si manifesta con alterazioni cromatiche a macchia e successiva necrosi dei tessuti”. Il fungo ha probabilmente attaccato una pianta e quindi è stata trasmessa a tutte le altre perché i potatori non si sono preoccupati di disinfettare gli strumenti di taglio e quindi l’hanno propagata a tutti gli esemplari.
La potatura è decisamente eccessiva, al limite della capitozzatura che, su un soggetto delicato come l’ippocastano, è deleteria. Potature simili si effettuano su specie arboree con maggiore capacità di ricaccio come il tiglio o il platano (e anche lì c’è da andarci cauti). Per queste osservazioni ho contattato un potatore professionale di Ivrea, che si occupa di arboricoltura ornamentale da anni e che ha confermato le mie impressioni.
Quindi il deperimento degli ippocastani è l’effetto di due fattori concomitanti, potatura mal eseguita e attacco di un fungo.
Ora queste piante stanno di nuovo germogliando e non è un buon segno: rischiano di compiere due cicli nell’arco di una sola annata, il che in pratica dimezza le aspettative di vita della pianta (che in condizioni normali è di circa 80 anni).
Non credo vi siano rischi di stabilità delle piante, ma sicuramente si assiste a perdita di vigore, nonché, non secondario, alla diminuzione del pregio estetico.
...
Fp

20 agosto 2016

AOSTA: ANCORA TROPPI ERRORI NELLA DIFFERENZIATA

AVVISO RACCOLTA RIFIUTI

ANOMALIE RILEVATE:

CASSONETTO VERDE:
NON CONFERIRE  ORGANICO - SOLO MATERIALE  NON DIFFERENZIABILE

CASSONETTO ARANCIONE (VETRO):
SOLO VETRO E NON SACCHETTI DI PLASTICA E NON BOTTIGLIETTE DI ALLUMINIO

CASSONETTO BIANCO (ALLUMINIO E PLASTICA):
MULTIMATERIALE, PLASTICA E BOTTIGLIETTE IN ALLUMINIO E FERRO

CARTONI: 
MULTIMATERIALE, PLASTICA E BOTTIGLIETTE IN ALLUMINIO E FERR VANNO RIPOSTI IN STRADA DOPO LE ORE 19,00 - NON METTERE I CARTONI NEL CASSONETTO BIANCO DELLA CARTA.

--
RILEVATI ERRORI PER OLTRE IL 30 %
SONO PREVISTE SANZIONI

2 agosto 2016

INTRODURRE LE BUONE PRATICHE ANCHE AD AOSTA

Capannori adotta un sistema di tariffazione puntuale (TIA), calcolato non  in base al peso del rifiuto, ma alla frequenza del ritiro e al volume del sacco. Un sistema vantaggioso per le utenze con risparmi economici rilevanti sia per le famiglie che, ancor più, per le attività commerciali. Questo modello ha consentito al comune di raggiungere livelli di differenziata dell' 80%  e godere di ulteriori punteggi attribuiti dalla regione per l'autocompostaggio. Tra le caratteristiche del modello, anche il colore del sacco per l'indifferenziato, che non è nero, ma grigio trasparente, per permettere una prima ispezione; il sacco è dotato di un sistema di identificazione del cittadino con un livello di attendibilita' attorno al 100%.

I punti essenziali della strategia " versio rifiuti zero" sono: la responsabilità estesa del produttore per quei prodotti che non sono recuperabili, il concetto di fabbrica dei materiali e  la riprogettazione  degli stessi (ad esempio, si producono  pallet in plastica, carta per consumo alimentare, ecc). 

Per quanto riguarda l'imballaggio se recuperato incide in modo significativo sui conseguenti vantaggi per i comuni: ad esempio, il costo di una plastica di pregio come il polietilene è di circa 400-500 euro/tonnellata. 

L'attivismo e l' informazione sono fondamentali per una corretta prevenzione e per il necessario cambiamento. 

16 giugno 2016

PARLAMENTO ITALIANO ESPROPRIATO DEI POTERI SUI TRATTATI COMMERCIALI

La posizione del Governo italiano su CETA e TTIP, i due trattati commerciali negoziati dalla Commissione Europea rispettivamente con Canada e Stati Uniti.

Il CETA, considerato un precedente del TTIP sia come obiettivi che come profilo, è stato concluso nel settembre 2014 ed è ormai sulla via della ratifica parlamentare. Con una netta inversione di rotta, l’Italia ha scelto di sostenere la posizione della Commissione Europea che vorrebbe escludere i Parlamenti dalla ratifica finale, limitando il processo di approvazione al solo Parlamento Europeo.

Secondo il Ministro Calenda, “per i vantaggi che porterà, il CETA dovrebbe essere concluso nel più breve tempo possibile”, senza che gli Stati membri possano intervenire con un voto a livello nazionale. Posizione non condivisa dalla Campagna Stop TTIP Italia, che ha denunciato le potenziali ricadute negative di una simile deriva. La stessa presidente della Camera, Laura Boldrini, ha accolto e rilanciato la nostra richiesta di ratifica nazionale aprendo una vertenza con il Governo a seguito delle email di appello ricevute dai cittadini.

“Abbiamo scelto di mobilitarci” sottolinea Monica Di Sisto, portavoce della Campagna Stop TTIP Italia, “perché è inaccettabile che venga impedita una discussione aperta e democratica su trattati commerciali come il  CETA che avranno impatti non indifferenti sulla vita di tutti i cittadini. La posizione del Governo italiano forza addirittura gli articoli del Trattato di Lisbona, un deroga che non possiamo ignorare perché potrebbe trasformarsi in un pericoloso precedente in vista di altri negoziati, vedi TTIP”.

“Persino il Governo tedesco spinge per una ratifica del Parlamento” chiarisce Elena Mazzoni, del coordinamento nazionale di Stop TTIP Italia, “così come richiesto da altre assemblee legislative, come quella austriaca e ungherese. Al solito il Governo Renzi per bocca del suo Ministro allo Sviluppo Economico si mostra dipendente dalle decisioni della Commissione Europea, rompendo con le posizioni più ragionevoli di altri Paesi membri”.

“Due anni di campagna nazionale, collegata con le reti europee e statunitensi, hanno dimostrato come la società civile possa fare la differenza nel rafforzamento dei diritti democratici dei cittadini e delle cittadine” sottolinea Marco Bersani, del coordinamento nazionale di Stop TTIP Italia “pur rimanendo fermamente contrari ai trattati TTIP e CETA, che crediamo vadano bocciati proprio per il loro contenuto e per gli impatti che avranno sul nostro tessuto economico e sociale, riteniamo ineludibile un coinvolgimento del nostro Parlamento su questi temi. Ogni forzatura è un ulteriore strappo della legittimità democratica del nostro Paese”.

Campagna Stop TTIP Italia

Web – www.stop-ttip-italia.net

Facebook – www.facebook.com/StopTTIPItalia

Twitter – @StopTTIP_Italia